Passa ai contenuti principali
  
Armilla 
Fatto sta che non ha muri, né soffitti, né pavimenti: non ha nulla che la faccia sembrare una città, eccetto le tubature dell’acqua, che salgono verticali dove dovrebbero esserci le case e si diramano dove dovrebbero esserci i piani: una foresta di tubi che finiscono in rubinetti, docce, sifoni, (...)


                                     



chi va a Bauci non riesce a vederla ed è arrivato. 
I sottili trampoli che s'alzano dal suolo a gran distanza l'uno dall'altro e si perdono sopra le nubi sostengono la città. Ci si sale con scalette. 


 A Ersilia
per stabilire i rapporti che reggono la vita della città, gli abitanti tendono dei fili tra gli spigoli delle case, bianchi o neri o grigi o bianco-e-neri a seconda se segnano relazioni di parentela, scambio, autorità, rappresentanza.

Ora dirò come è fatta Ottavia, città–ragnatela.
 C’è un precipizio in mezzo a due montagne scoscese: la città è sul vuoto, legata alle due creste con funi e catene e passerelle. Si cammina sulle traversine di legno, attenti a non mettere il piede negli intervalli, o ci si aggrappa alle maglie di canapa. Sotto non c’è niente per centinaia e centinaia di metri: qualche nuvola scorre; s’ intravede più in basso il fondo del burrone.

⭐⭐⭐⭐

Commenti

Post popolari in questo blog

prospettiva accidentale

Linea

La linea e gli artisti
Acqua selvaggia -  P. Klee
Albero della vita - G. Klimt
Commedianti - P. Klee
Bisonte - Grotta di Lascaux
Notte stellata V. V. Gogh

Angelo - P. Klee
Barche a vela - P. Klee
Parco - P. Klee
Autoritratto V.V.Gogh


Uomo meccanico di Ivo Pannaggi◼
Nelle classi seconde stiamo lavorando sul chiaroscuro che ci permette di rappresentare le ombre e quindi il volume delle forme solide. Per sviluppare queste abilità abbiamo scelto di farci ispirare dai buffi manichini meccanici diIvo Pannaggi, un artista della nostra terra ma anche un incredibile,  fantastico, eclettico personaggio.


Nella prima fase si disegna l'uomo meccanico usando solidi geometrici, poi si stabilisce la direzione della luce e si creano le zone d'ombra in chiaroscuro con la matita colorata nera.



       Si conclude colorando lo sfondo con gli aquerelli.